Programma

Fabrizio Puppo

SETTIMO DEVE ESSERE GOVERNATA CON COMPETENZA ESPERIENZA ONESTÀ SERIETÀ E CONCRETEZZA L’UNITÀ DELLE LISTE CIVICHE CON FABRIZIO LA GARANTISCE

Siamo un gruppo di liste civiche, di centro, di sinistra e ambientaliste, che hanno deciso di unirsi per sostenere il Sindaco Fabrizio Puppo e offrire ai Settimesi una scelta civica, di impegno per la nostra città. Il lavoro di questi anni di mandato amministrativo 2014-2019 con la guida di Fabrizio hanno visto crescere ancora la nostra città nonostante i tagli da parte dello Stato e le mille difficoltà imposte dalla crisi economica. Abbiamo alle spalle anni di buon governo e di impegno civico. Chi ha buona memoria sa quanto Settimo sia cambiata in meglio.

Proprio perché convinti della serietà del nostro impegno, chiediamo la fiducia per continuare, insieme a tutti voi, a migliorare lavivibilità e i servizi ai cittadini di Settimo Torinese! Non vogliamo che Settimo diventi esclusiva palestra di lotte tra correnti del PD, o sia mal governata da partiti e movimenti che già danno pessima prova di sé a livello nazionale.

ECCO I PUNTI DEL NOSTRO PROGRAMMA PER GLI ANNI 2019-2024

Senza demagogie e insostenibili promesse chiediamo fiducia per amministrare Settimo con competenza, onestà e concretezza realizzando gli obiettivi indicati nel programma. Il nostro primo impegno è governare nell’esclusivo interesse del bene pubblico, ponendo al primo posto sempre i nostri concittadini e non gli interessi personali o peggio ancora di bottega

LAVORO

Le attività produttive sono fondamentali per lo sviluppo e l’occupazione della nostra città: per noi resta prioritario collaborare con le aziende presenti sul territorio e lavorare per favorire nuovi insediamenti produttivi da collocarsi nelle numerose aree produttive dismesse che devono essere recuperate.

Dobbiamo proseguire sull’opera portata avanti dall’amministrazione guidata dal Sindaco Fabrizio Puppo, delle ex aree industriali della CEAT, lungo l’autostrada Torino-Milano, della Lucchini e del Gruppo Finanziario Tessile, lungo la strada Cebrosa, che, quando attuate, porteranno presto nuovi posti di lavoro e opportunità di sviluppo economico.

Valorizzare i rapporti con le imprese, con azioni concrete di riqua-lificazione territoriale o con progetti congiunti su energia, recu- pero degli scarti, sostegno ad internazionalizzazione e marketing. In particolare riteniamo necessario favorire progetti di sostegno verso le piccole e medie imprese che oggi riescono a garantire ancora un buon livello di occupazione.

Sostenere l’esperienza della Rete Italiana delle Imprese Recuperate e i progetti di “recupero aziendale” che si sono diffusi in Italia dopo la crisi economica. Deve essere favorita la localizza- zione nella nostra città, su siti industriali dismessi, delle imprese recuperate già presenti nel territorio piemontese. Nel caso di crisi aziendali di imprese presenti sul territorio bisogna proseguire in un’azione di recupero e di riconversione con il coinvolgimento dei lavoratori, delle Università e delle Istituzioni.

Sostegno a progetti concreti di alternanza scuola lavoro per as- sicurare ai ragazzi e alle ragazze della città una vera esperienza lavorativa utile al curriculum scolastico acquisito. Incrementare la quantità e la qualità dei progetti per Lavori Socialmente Utili, e “Lavori di Comunità e di cittadinanza” integrandoli con le altreforme di sostegno al reddito finanziate dalla Regione e dallo Stato (reddito di cittadinanza, Naspi) per un più adeguato sostegno alle difficoltà delle famiglie.

Utile e fondamentale il coinvolgimento in coprogettazione delleAssociazioni e degli Enti no profit del terzo settore. Contribuirealla sicurezza sui posti di lavoro, in sinergia e accordo con ilservizio dello SPRESAL.

SICUREZZA

Istituzione di un Commissariato di Polizia a Settimo Torinese

da definire e concordare con gli organi dello Stato (Prefetturae Questura) in modo da garantire una presenza costante delle Forze dell’ordine sul nostro territorio;

Sostenere progetti antitruffa, in accordo con le forze di polizia deputate al controllo, verso persone anziane o fragili e favoriresoluzioni di mutuo controllo tra abitazioni (accordo con Ammi- nistratori di condomini e Forze di vigilanza).

Attenzione specifica alle persone anziane con servizi di accom-pagnamento ai luoghi di maggior vulnerabilità (uffici postali ebancari) e la promozione di iniziative che aiutino il superamento dell’uso esteso dei contanti, l’apprendimento di tecniche per la richiesta di soccorso e l’aumento della capacità di percepire e gestire le situazioni a rischio.

Rafforzamento della presenza della Polizia Municipale sul territorio anche attraverso la fornitura di nuove tecnologie (con rafforzamento di nuova e maggiore tecnologia per garantire alla città una maggiore percezione di sicurezza) e il trasferimento in posizione baricentrica della città, nell’area della stazione, del comando e della sede operativa della Polizia Municipale. Maggiori controlli di deterrenza contro la micro criminalità e comportamenti molesti a danno delle persone più deboli.

Agevolare la costituzione di Consorzi per la sicurezza tra le Imprese sul territorio del comune

AMBIENTE

Incremento della Raccolta differenziata e della riduzione dellaproduzione di rifiuti, con azioni di sensibilizzazione ed attivazione Progetti specifici con nuove iniziative (mini punti ecologiciurbani). Incentivi alle politiche di riuso e al “reso” di imballaggi e contenitori.

Revisione del sistema di raccolta dei rifiuti urbani allo scopo di ridurre le superfici delle isole ecologiche e garantire maggiore pulizia intorno a tali aree con conseguente migliore pulizia delle strade e delle aree verdi e intensificazione dei controlli (anche con tecnologie digitali) su comportamenti incivili di abbandono dei rifiuti e di mancata raccolta delle deiezioni canine Maggiore diffusione di cestini.

No al consumo di suolo agricolo nei nuovi Piani Urbanistici. Rivalutazione del suolo per uso sostenibile di aree marginali e agricole. Completamento della realizzazione dei tratti di raccordo piste ciclabili sul territorio settimese, si rende opportuna una migliorequalificazione della segnaletica sull’intera rete comunale e inter- comunale ciclabile “La Corona di Delizie”.

Valorizzazione del Progetto “Ven-To”, dorsale di pista ciclabileprevista lungo il fiume Po. In questa direzione va la proposta sottoscritta da quasi tutti i comuni rivieraschi (da San Mauro a Chivasso) di istituire in questo tratto l’Ecomuseo del Po quale luogo di valorizzazione del ruolo del grande fiume nell’economia locale e di sostegno alla mobilità sostenibile, al turismo ecologico, ai nuovi stili di vita, con particolare riferimento anche allo sviluppo di un turismo ecosostenibile che possa attirare sportivi e famiglie (installazione e potenziamento colonnine di ricarica per e-bike).

Rafforzare la cura sia dei grandi Parchi (Castelverde, Pertini, De Gasperi, Berlinguer), sia di quelli di “vicinato”, con tagli erba puntuali e le manutenzioni o il rinnovo delle dotazioni.

Garantire tutte le azioni possibili (coordinamento con la Città Metropolitana) per il controllo della qualità dell’aria, sia per le emissioni dei mezzi di trasporto che per gli impianti di riscaldamento. Favorire le iniziative di riqualificazione energetica e di uso della rete di teleriscaldamento.

Sostegno a progetti di ristrutturazione di fabbricati privati per la riduzione dei consumi energetici; Programma straordinario per tutto il patrimonio pubblico per minori emissioni di CO2 e risparmio energetico; Co-progettazione e incentivi alla realizzazione di progetti di recupero dei rifiuti organici, di utilizzo di energia rinnovabile, di riuso. Sensibilizzazione di imprese e condomini verso investimenti per la sostenibilità ambientale (recupero e risparmio, di energia, di acqua, di materie prime, di suolo).

COMMERCIO

Settimo è stata riconosciuta, grazie al lavoro dell’Amministrazione Puppo, città turistica. A partire da questo utile riconoscimento regionale si propone di rendere permanente il Comitato promotore di “Vivi Settimo” con la partecipazione oltre che del Comune, delle principali associazioni di categoria e dei commercianti, della Pro Loco, della Fondazione ECM.

Si dovrà favorire la creazione di Centri Commerciali Naturali e la nascita dell’associazionismo di via e di categoria. Sostenere con la messa a disposizione di Fondi rotativi di garanzia la partecipazione delle piccole imprese e degli esercizi commerciali associati a bandi e progetti cofinanziati dalla Regione, dallo Stato e dalla Comunità Europea.

Prevedere un contributo annuo per la promozione, tramite iniziative culturali e di aggregazione, dei centri commerciali naturali in generale e del centro storico in particolare. Sostegno a iniziative di valorizzazione di marchio locale e coordinare iniziative con valenza extra-territoriale, abbinate a manifestazioni culturali e/o gastronomiche. Favorire esperienze di commercio locale su piattaforme digitali e la presenza degli operatori locali su reti di servizi domiciliari organizzate con applicazioni web.

Promuovere, in accordo con gli operatori, i mercati locali anche tramite la realizzazione nel mercato centrale di un’area coperta da destinare a specifiche attività commerciali di qualità e di attrazione.

Ripensare alla raccolta rifiuti degli esercizi commerciali coinvolgendo gli operatori in attività di recupero, di eventuale gestione del reso, di riduzione degli imballi, realizzando significative riduzioni della TA.RI (Tassa Rifiuti).

Potenziamento sportello unico delle attività produttive con par- ticolare riferimento all’aiuto alla comprensione delle nuove normative di legge che prevederanno tra l’altro dal primo gennaio 2020 lo scontrino elettronico

SALUTE

Realizzazione del Punto di Primo Soccorso presso l’Ospedale Civico di Settimo Torinese (situazioni già operative in varie regioni italiane ed in Europa). Questo sarà possibile grazie al rafforzamento del reparto di Radiologia già esistente, con l’acquisto di una apparecchiatura per la Tomografia Computerizzata, e al già esistente “Point of Care Test”, che consente di eseguire e refertare i principali esami su campioni di sangue in tempo reale, in assenza di strutture laboratoristiche.

Attivazione di Convenzione con Croce Rossa Italiana ed il Sistema di Emergenza Territoriale 118 per il trasferimento dei pazienti critici, dopo una prima valutazione e stabilizzazione presso il Punto di Primo Soccorso, verso i Dipartimenti di Emergenza edAccettazione del Capoluogo.

Costruzione di una elisuperficie per agevolare i trasferimenti dei pazienti verso i DEA del Capoluogo e permettere anche sul nostro territorio il servizio di Volo Notturno dell’Elisoccorso, attivo nella nostra Regione.

La Casa di Salute, avviata da più di un anno all’interno del nostro Ospedale Civico, ha consentito di riorganizzare il servizio di Guardia Medica, di offrire prestazioni ambulatoriali di specialisti di alto livello, di rafforzare e riorganizzare le attività del Consultorio. Questo ottimo lavoro deve andare avanti con l’apertura di nuove prestazioni specialistiche e con l’avvio dei percorsi diagnostici terapeutici assistenziali (PDTA) in grado di “prendere in carico” (dalla prevenzione alla cura e riabilitazione) migliaia di persone a rischio o affette da patologie croniche.

Piena integrazione tra l’assistenza sanitaria ospedaliera e l’assistenza socio-sanitaria domiciliare. A partire dall’esperienza dell’Ospedale Civico maturata in questi 10 anni, riteniamo vada avviata la sperimentazione di nuovi e qualificati percorsi di cura integrata tra strutture sanitarie, strutture assistenziali e domicilio. Sostenere, in collegamento con le attività già descritte nel capi- tolo ambiente, le attività di prevenzione collegate al movimento ad esempio a piedi e in bicicletta già sperimentate con successo in questi anni.

Nell’ambito del “Progetto Parkinson” che ha recentemente inaugurato uno Sportello di riferimento per pazienti parkinsoniani del territorio, si opererà per creare un percorso diagnostico-terapeutico dedicato alle malattie neurologiche degenerative (ad. esempio morbo di Parkinson e demenza senile).

A seguito della centralità assunta nell’ambito dei servizi sanitari dall’Ospedale civico, occorre ripensare al ruolo del poliambulatorio di via Leinì per il quale proponiamo una riorganizzazione e ristrutturazione degli spazi e dell’edificio.

Più in generale proponiamo il rafforzamento dei servizi sanitari territoriali e di prevenzione (Salute Mentale, SERT, SPRESAL, ecc.) attribuendo a loro spazi adeguati, favorendo sperimentazioni ed innovazioni e valorizzando le buone pratiche che da sempre hanno caratterizzato questi servizi nella nostra città.

Fondamentale resta il pieno coinvolgimento dei medici di famiglia e della rete di farmacie e parafarmacie nell’offerta di servizi qualificati, diffusi, e integrati di assistenza socio sanitaria. In particolare riteniamo utile istituire a livello comunale un osservatorio permanente sui servizi socio sanitari, che coinvolga tutti i principali referenti, allo scopo di richiedere e suggerire all’ASL e alla Regione sperimentazioni o modifiche nell’organizzazione dei servizi e di confrontarsi su fabbisogni non soddisfatti in ambito comunale. In tale ambito ci impegniamo ad affrontare anche temi quali l’ormai insostenibile assenza di studi medici al Borgo Nuovo e la richiesta di servizi di distribuzione farmaci a domicilio in particolare a favore delle frazioni.

PERSONE E LE FAMIGLIE

Per le competenze comunali nell’ambito della disabilità, introdur- re tecnologie di supporto per ciechi ed ipovedenti, quali applicativi (già sperimentati) su smartphone che consentano attraversa- menti pedonali in condizioni di sicurezza. Prevedere l’attivazionedella figura del “disability manager” per orientare e verificare lepolitiche amministrative circa l’accessibilità agli spazi e la mobilità delle persone disabili. Sostegno a progetti di superamento delle barriere architettoniche, percettivo-sensoriali, sociali, culturali ed economiche per una città davvero accessibile a tutti e a tutte.

Particolare attenzione alle persone anziane e sole, per definire, con il sostegno dei Servizi Sociali dell’Unione NET, l’attivazione di “badanti di condominio” a supporto di specifiche attività quotidiane/settimanali (spesa e varie), eventualmente in appoggio a figure come “infermieri di comunità” coordinati dalla ASL TO4.

Sostegno alle funzioni genitoriali in particolare verso famiglie in difficoltà: valorizzazione del Centro Famiglia per individuare soluzioni alle varie situazioni problematiche e di necessità. Supporto alle neo-mamme prevedendo la realizzazione di “nursery” presso locali pubblici e il sostegno alla frequenza delle scuole per l’infanzia.

Applicare concretamente il principio del diritto alle prestazioni assistenziali. Ciò comporta l’obbligo all’erogazione alle personedei Livelli Essenziali di Assistenza con conseguente investimentoin strutture e servizi idonei a soddisfare tali bisogni (a partire da quelle esistenti).

Sostegno alle famiglie con persone portatrici di bisogni di assi- stenza socio sanitaria attraverso servizi di alleggerimento (centri diurni, soggiorni temporanei, ecc.) e servizi domiciliari di sostegno.

Sostegno a progetti di social housing proposti da Enti del Terzo Settore, da privati o finanziati da fondi regionali, nazionalied europei.

Valorizzazione della rete associativa di territorio Contro la violenza alle donne.

Fornire gratuitamente un supporto psicologico alle famiglie in difficoltà (sportello d’ascolto famiglie).

MOBILITÀ E I TRASPORTI

Settimo è, in tema di trasporti pubblici, una delle città più pena-lizzate nell’ambito della Città Metropolitana. Dobbiamo affrontare questo problema senza demagogiche promesse ma con forte determinazione. Alla Regione Piemonte e alla Città Metropolitana occorre far capire che è dannoso per tutti un persistente squilibrio di servizi di trasporto pubblico tra le diverse aree della Città Metropolitana.

  •  Se per la zona Ovest la soluzione è rappresentata dal prolungamento della linea di Metro, per la zona nord est riteniamo indispensabile fare riferimento a un Servizio Ferroviario Metropolitano più efficiente, dotato di infrastrutture e mezzi idonei a garantire una frequenza accettabile per un servizio metropolitano (10–15 minuti);
  • Occorre prevedere la realizzazione di nuove fermate inter- medie (per Settimo Laguna verde) necessarie a rendere piena- mente fruibile il servizio ferroviario;
  • Chiediamo che i treni provenienti da Chivasso fermino a Settimo (oggi ciò avviene per pochissime corse) e la messa in si- curezza della tratta da Settimo a Rivarolo per consentire velocità adeguate superiori agli attuali 50 km\h.

Settimo Torinese ha già subito l’impatto delle cosiddette “grandi opere”. La linea ad alta capacità e velocità Torino Milano ha creato nuove barriere e rotture della città in aggiunta a quelle che già erano presenti. L’arrivo della TAV dovrà essere accompagnato da investimenti compensativi che diano finalmente a Settimo un servizio di trasporto pubblico adeguato per studenti, lavoratori e cittadini che ogni giorno hanno esigenza di utilizzare il trasporto pubblico in ambito metropolitano.

I trasporti pubblici verso i comuni limitrofi sono pressoché inesistenti, mancano collegamenti verso Leinì, Borgaro, Venaria, San Mauro e comuni collinari. Deve essere rivisto l’attuale sistema di trasporti favorendo il collegamento e la mobilità intercomunale in ambito metropolitano e non solo quella diretta verso il capoluogo. La mancanza di trasporti rende sempre più a rischio le iscri- zioni al polo scolastico secondario.

  • Proponiamo un confronto serrato e concreto con l’Agenzia Regionale per i Trasporti per far aumentare i fondi destinati a Settimo e migliorare il servizio delle linee SE1 e SE2 e 49.
  • Intendiamo richiedere il rafforzamento del servizio a chiamata Me Bus e garantire anche corse notturne in sicurezza in particolare per i giovani.
  • Eliminare il pedaggio sulla tangenziale (una tassa iniqua pa- gata dai settimesi su una concessione scaduta che ha già pagato il capitale per la realizzazione dell’opera). In questo senso siamo pronti a intentare un’azione legale verso i concessionari e lo Stato per l’abolizione del pedaggio.
  • Prevedere l’introduzione di “Buoni Taxi” per le persone con gravi patologie invalidanti con il fine di aumentare la loro autonomia legando la concessione degli stessi alla presentazione del modello ISEE.
  • Estendere, tramite accordi con i maggiori operatori che operano a Torino, i servizi di car sharing.
  • Ampliare la presenza e l’uso di ciclo-posteggi e prevedere l’installazione di colonnine per la ricarica delle bici elettriche in punti strategici della città. Investire nelle infrastrutture e nella cultura per la mobilità sostenibile.

SPORT

Una solo parola: PALASPORT

Settimo Torinese è da sempre considerata poliedrica dal punto di vista dell’offerta sportiva, con importanti risultati e migliaia di appassionati praticanti nelle diverse discipline: calcio, basket, pallavolo, judo, rugby, tennis, atletica leggera, baseball, boxe, biliardo, tiro con l’arco, nuoto, danza, twirling, bocce, ecc. In un così ampio e spesso di eccellenza contesto sportivo risulta essenzialeil ruolo dell’Amministrazione Comunale, che in questo mandato ha ottenuto il finanziamento per la realizzazione del Palazzettodello Sport.

  • Realizzazione del “Palazzetto dello Sport” in via Santa Cristina (già finanziato ed in corso di progettazione definitiva), con relative dotazioni di parcheggi e accessi stradali.
  • Progettazione dell’area sportiva adiacente a nuovo Palazzetto dello Sport dove potranno trovare posto un nuovo campo da calcio con pista da atletica e un nuovo campo per il baseball (CITTADELLA DELLO SPORT SETTIMESE).
  • Riqualificazione dei rapporti tra Comune di Settimo e le Società sportive di territorio, per dare continuità alle convenzioni in essere in particolare con il Centro SISPORT.
  • Sostegno alle attività giovanili utili come momento di cre- scita e di cultura non solo sportiva

CULTURA

La Fondazione ECM, negli ultimi cinque anni si è ulteriormenterafforzata e qualificata come strumento indispensabile per la ge- stione dei “luoghi della cultura” e dei progetti ricorrenti di costru- zione e formazione culturale. Il “costo” per la cultura a Settimo si

è in parte trasformato in vero e proprio “investimento” capace di generare “valore aggiunto” e ciò grazie alla presenza di una istituzione stabile di produzione e divulgazione culturale quale èla Fondazione ECM.

Settimo gode oggi di un’offerta culturale di qualità, organizzata su una scala adeguata, e beneficia di un pubblico e di un sistema di collaborazioni e di sinergie più ampie di quelle possibili in ambito comunale.

La Fondazione ECM gestisce in modo stabile e continuativo luo- ghi e iniziative che riteniamo debbano essere sostenute e, per quanto possibile, potenziate:

• la Biblioteca Archimede, luogo ricco di iniziative culturalinon solo riferite alla lettura, e nel contempo promotrice di iniziati- ve di successo quali INCIPIT, nati per leggere, R-estate in terrazza,Archi leggiamo, Letture in tazza grande, oltre che di numerosecollaborazioni in campo sociale con diverse associazioni.

La Biblioteca Archimede è anche centro rete per il Sistema Bibliotecario dell’area Metropolitana (SBAM).

• Radio Archimede Web, Archimedebooks (la casa editriceon line), il Laboratorio Lego LEISS, sono alcune delle iniziativesviluppate in questi anni dalla Fondazione ECM in parallelo all’at-tività propria di Archimede.

• La Suoneria e il Teatro Garybaldi garantiscono un’offerta musicale e teatrale continuativa presso i locali di via dei Partigiani. Anche in questo caso si pone rilievo sugli investimenti e suilavori di manutenzione straordinaria di tutto l’ambito effettuati in questi anni. Oltre ai cartelloni annuali e le rassegne di buon livello, meno note ma altrettanto fondamentali per lo sviluppo culturale del territorio, sono le attività formative svolte sia con i laboratori teatrali che con le sale prova musicali che offrono opportunità di crescita, incontro e apprendimento a molti giovani.

• L’organizzazione di grandi concerti estivi sotto il titolo di“Fuori Tutti” si è accompagnata in questi anni con l’organizzazione di iniziative culturali e di spettacolo in concomitanza con le aperture serali degli esercizi commerciali e, recentemente, con il giorno di organizzazione dei saldi. Riteniamo necessario confermare questo impegno anche allo scopo di valorizzare, attraverso la cultura e lo spettacolo di buon livello, l’offerta commerciale di qualità.
Allo stesso scopo occorre sostenere le iniziative organizzate da Pro Loco e dall’apposito comitato, al Borgo Nuovo.

• Il Festival dell’Innovazione e della Scienza, alla sua settima edizione dedicata ai cambiamenti climatici, è ormai una manifestazione di scala regionale e metropolitana che qualifica Settimo come polo di divulgazione scientifica e di riferimento per l’attività didattica. Grazie al lavoro di questi anni è ormai maturo il consolidamento di un’attività permanente e ricorrente di divulgazione scientifica, in particolare rivolta agli studenti e alle scuole del territorio (Festival 365).

• L’Ecomuseo del Freidano, inserito nella rete regionale degli Ecomusei, è stato recentemente oggetto di rilancio e ulteriore qualificazione. In particolare si è estesa l’attività di ricerca ed approfondimento al ‘900 e al ricco tessuto di imprese manifatturiere ancora presenti sul territorio nate e cresciute negli anni ’50 e ’60. L’ubicazione presso il Mulino Nuovo, di questa importante istitu- zione culturale, rende la stessa punto di riferimento naturale per l’organizzazione di attività collegate al sistema dei parchi e alla mobilità sostenibile (percorsi pedonali e ciclabili). Recentemente sono state realizzate postazioni di realtà aumentata e di realtà virtuale che consentono di fare dell’Ecomuseo un luogo di visita sempre più affascinante e, in prospettiva, di collegamento con le altre principali realtà ecomuseali piemontesi.

Presso l’Ecomuseo è stato allestito un punto permanente di atti- vità espositive a cui hanno manifestato interesse numerose asso- ciazioni ed enti pubblici e privati per l’allestimento di mostre, di collezioni, di esposizioni di diverso tipo.

La recente decisione di promuovere, con altri Comuni rivieraschi, l’Ecomuseo del Po, può rappresentare un efficace modo per valorizzare questo tratto di fiume sia nelle sue espressioni naturalistiche (parco) che in quelle economiche (attività turistiche, agricole, gastronomiche).

La valorizzazione dell’ecomuseo quale luogo di ricerca, di approfondimento e di riscoperta della memoria antropica e antropologica, organizzativa e produttiva della comunità, continua ad essere a nostro avviso una priorità da perseguire.

• La SIVA, ex fabbrica di vernici diretta da Primo Levi, può certamente rappresentare un riferimento, anche simbolico, dell’intreccio culturale tra letteratura e scienza (in particolare chimica e fisica) a partire proprio dalle opere scritte da Primo Levi.

La SIVA, inaugurata il 27 gennaio 2019 nell’ambito delle manifestazioni del Giorno della Memoria, sarà aperta al pubblico stabilmente dal mese di maggio, con tre particolari caratterizzazioni che simbolicamente (e non solo) si pongono in relazione culturale con la straordinaria figura intellettuale rappresentata da Primo Levi.

La Memoria: in SIVA sarà allestito uno spazio permanente dedi- cato alla memoria dell’olocausto e di tutte le tragedie umanitarie derivate dalle dittature, dalle guerre, dal razzismo, dalle intolleranze, discriminazioni e violenze di ogni tipo.

Il Lavoro: la cultura del lavoro che si ritrova ampiamente nell’opera letteraria di Primo Levi in SIVA assume ancora maggior signifi- cato simbolico in considerazione del fatto che Levi era espressio- ne concreta di quella cultura tecnica e dell’etica del lavoro che ha profondamento segnato e formato le persone residenti a Settimo e nel torinese. In collegamento con l’Ecomuseo saranno organizate iniziative culturali e di approfondimento sul tema del lavoro ricercando la collaborazione del ricco tessuto produttivo presente sul territorio e valorizzando i materiali prodotti negli anni passati.

L’innovazione tecnica e scientifica: anche in questo caso è di spunto la ricca letteratura prodotta da Primo Levi e in stretto collegamento con il Festival dell’Innovazione e della Scienza 365, la SIVA potrà ospitare attività di divulgazione scientifica.

Ci auguriamo che possa essere firmata dal Ministero la convenzione relativa al progetto di Rinascimenti Digitali e di conseguenza poter avviare le attività di laboratori digitali previsti presso la SIVA.

Intendiamo valorizzare l’attività svolta dalla Pro Loco quale riferimento associativo indispensabile per l’organizzazione degli appuntamenti culturali, enogastronomici e di promozione del territorio collegati in particolare alle tradizioni.

Carnevale, Fiera della Cuntenta, Passeggiata del Gusto, Fiera del Cavolo, Feste Patronali sono solo alcune delle manifestazioni che hanno reso Settimo un sicuro punto di riferimento per visitatori provenienti dall’intera città metropolitana.

Il sostegno alle attività di Pro Loco deve nel contempo affiancarsial coinvolgimento sinergico delle associazioni del commercio, e delle altre associazioni culturali e del tempo libero.

Ciò già avviene ad esempio nella gestione dei due spazi assegnatialla Pro Loco (Centro Bosio e Centro Aglietta) diventati spazi diaggregazione stabile per centinaia di persone.

Riteniamo indispensabile, sulla base di nuove progettualità, ripensare a forme di contribuzione all’associazionismo culturale presente nella nostra città, incentivando nuove forme di partecipazione e di espressione proposte in particolare dalle giovani generazioni.

SCUOLA

Settimo Torinese con 4 istituti comprensivi, 8 scuole d’infanzia, 7 primarie e 5 secondarie di primo grado, mette a disposizione dei giovani settimesi e del territorio circostante un’offerta formativa di assoluta eccellenza.

Fondamentali sono i servizi già attivi nella nostra città, come: il servizio di pre- e post- scuola e di trasporto scolastico, il salone per l’orientamento scolastico, appositi servizi per alunni con disagio fisico e mentale, il progetto “scuola senza zaino”, i laboratori su bullismo e cyber-bullismo ecc.

In questo contesto ci poniamo i seguenti obiettivi:

  • Considerando prioritaria l’assoluta sicurezza degli edificiscolastici, prevediamo controlli tecnici costanti e interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria con finanziamenti giàprevisti per circa 6 milioni di euro.
  • Realizzazione di un nuovo edificio scolastico sulla piazza del mercato di via Fantina, recentemente intitolata a Don Giacomo Rovera, dedicato al Centro Provinciale Istruzione Adulti, accrescendo l’offerta formativa del polo scolastico del Borgo Nuovo.

In questi anni abbiamo cercato di contrastare la riduzione di iscrizioni presso gli istituti di scuola secondaria presenti a Settimo. Oltre ad esprimere preoccupazione per il possibile ridimensionamento del polo scolastico conquistato a fatica negli anni ’80, intendiamo reagire in tutti i modi possibili.

Chiederemo nuove linee di trasporto per gli studenti provenientidai comuni limitrofi e agevolare l’utilizzo del treno garantendo lamessa a disposizione gratuita di un servizio di bike sharing scuola – stazione. Proponiamo di organizzare attorno al polo scolasti- co un’ampia gamma di opportunità formative e di tempo libero con le quali rendere competitivo il sistema scolastico di Settimorispetto ad altri “più comodi” istituti. Sale prove musica, laboratori digitali, laboratori artistici e teatrali, opportunità di alternanza scuola lavoro, organizzazione del tempo libero, sport, ecc. pensiamo possano essere opportunità messe a disposizione dal Comune e dal ricco tessuto di associazioni e istituzioni culturali e sportive allo scopo di rafforzare l’attrazione dell’offerta formativa e scolastica di Settimo.

Proponiamo la creazione di un tavolo tra Comune, Scuole Superiori, aziende e associazioni di volontariato per l’alternanza scuola-lavoro. La finalità sarà quella di favorire il coordinamento tra scuole e realtà in cui gli studenti possono svolgere alternanza scuola-lavoro, per aiutare gli istituti a migliorare la proposta formativa

GIOVANI

  • Sostegno e promozione di progetti di riqualificazione urbana finalizzati alla creazione di spazi di aggregazione e comunità ad opera di gruppi giovanili locali.
  • Un cohousing per giovani con condizione lavorativa precaria.
  • Avvio, presso abitazioni e locali di proprietà del Comune riqualificate, di progetti di Cohousing destinati a giovani tra i 22 e i 35 anni che intendono cominciare a vivere da soli o in coppia, ma che al momento non hanno una occupazione stabile. L’attribuzione a prezzi sociali degli alloggi sarà concessa su base triennale, rinnovabile per un secondo periodo di tre anni qualora alla scadenza del primo termine non fosse ancora stata raggiuntauna condizione lavorativa sufficientemente stabile.

INNOVAZIONE

In questi anni Settimo è stata spesso esempio di città a forte vocazione innovativa. Decisiva in tal senso è stata la sinergia che si è prodotta tra pubblica amministrazione, industria, università e in alcuni casi nuove iniziative (start up).

Vogliamo continuare ad esserlo aprendo le porte a proposte e capacità imprenditoriali capaci di vedere il nostro territorio come laboratorio di innovazione.

Settimo è dotata di una rete di teleriscaldamento, di una rete di trasporto energia per illuminazione pubblica, di una rete urbana in fibra ottica, di una rete WI-FI pubblica che collega diversi luoghi e servizi pubblici, oltre ovviamente di altre reti distributive

di gas, acqua, o di raccolta reflui.

A partire da queste reti pensiamo che Settimo possa essere riferimento per la sperimentazione di nuove soluzioni energetiche, di sistemi intelligenti di domotica urbana, di tecnologie digitali applicate a diversi campi (commercio, esposizione, salute, cultura, arte, risparmio risorse, ecc.). Proponiamo inoltre l’adozione di un’agenda digitale locale che a partire dalle innovazioni già pro- poste a livello nazionale favorisca la diffusione di soluzioni digitali nell’organizzazione dei servizi pubblici.

A partire dal progetto Rinascimenti Digitali, finanziato dallo Stato per oltre un milione di Euro, proponiamo di allestire presso la SIVA laboratori digitali da mettere a disposizione di imprenditori, professionisti e giovani allo scopo di accelerare la diffusione di soluzioni e tecnologie già oggi disponibili sul mercato. In tale contesto riteniamo utile proporre la promozione di incontri e work shop, in collaborazione con Outlet Village, dei principali operatori in tema di digitale.

Anche in tema di innovazione energetica riteniamo che Settimo Torinese abbia le carte in regola per proporsi, in collaborazione con i principali operatori energetici nazionali già presenti sul territorio, quale vetrina delle soluzioni e delle tecnologie più avanzate nel settore della produzione energetica diffusa e rinnovabile, dello stoccaggio e della mobilità elettrica.

ACCOGLIENZA E COESIONE SOCIALE

Oltre alle proposte già avanzate in tema di lavoro e di servizi assistenziali, riteniamo indispensabile ribadire il nostro impegno in tema di accoglienza e solidarietà sociale. Settimo è stato in questi anni uno dei simboli nazionali dell’accoglienza e dell’integrazione e ciò è stato possibile grazie alla proficua collaborazione con la Croce Rossa Italiana nella gestione del Centro polifunzionale Teobaldo Fenoglio. Giudichiamo questa esperienza conclusa, ma non finita. La recente politicizzazione del tema dell’accoglienza ai migranti ha generato conflitto e odio diffuso contro qualsiasi forma di accoglienza e protezione dei richiedenti asilo.

La conseguenza, che già possiamo osservare, è una progressiva crescita di fenomeni di intolleranza razziale e di violenza da una parte e di illegalità e di estremizzazione del conflitto religioso dall’altra.

Il contrario di ciò che bisognerebbe fare. Le conseguenze di questa cattiva semina purtroppo saranno evidenti negli anni a venire ma noi dobbiamo fare ciò che è in nostro potere per evitarle.

Il Centro Fenoglio va rapidamente riconvertito in centro di protezione civile, così come era stato pensato e progettato fin dall’inizio. Contestualmente riteniamo si debba rivedere la convenzione in essere con la Croce Rossa , aprendola al contributo di altre organizzazioni del terzo settore presenti sul territorio, allo scopo di trasformare parte del centro Fenoglio in centro di accoglienza e di coesione sociale. L’organizzazione della mensa sociale, lapredisposizione di pasti per le persone in difficoltà economica osociale, la messa a disposizione, con chiare regole di convivenza, di strutture abitative temporanee per famiglie e persone singole, crediamo debba essere una priorità da perseguire.

Per quanto riguarda il diritto all’abitazione intendiamo rivedere l’attuale sistema di assegnazione degli alloggi in edilizia residenziale pubblica, allo scopo di rendere più rapida la gestione delle emergenze abitative e garantire una maggior mobilità tramite sistemi di contribuzione all’affitto che tengano conto dell’evoluzione sia reddituale che compositiva della famiglia dell’assegnatario.

DEMOCRAZIA E PARTECIPAZIONE

In questi anni abbiamo sperimentato con successo nuove forme di partecipazione dei cittadini alla gestione della cosa pubblica.

Dalle sedute in streaming del Consiglio Comunale alle diverse for- me di comunicazione via social con i cittadini. Di particolare interesse è stata la comunicazione organizzata con la pagina Facebook di “Settimo Bene Comune” che ha consentito ai settimesi di effettuare migliaia di segnalazioni, di ricevere informazioni e risposte.

Occorre andare avanti in questa direzione attribuendo più peso decisionale e di proposta ad utenti di servizi e a gruppi di cittadini che dimostrano interesse verso i beni comuni (gestione aree verdi, sicurezza, cultura, sport, ecc.)

Occorre ritrovare equilibrio tra forme di partecipazione individuale attraverso i social o piattaforme di consultazione on line e più tradizionali forme di aggregazione e partecipazione per la gestione di beni comuni. In questo senso riteniamo debbano essere sostenuta la formazione di comitati di quartiere o di associazioni su basi territoriali che possono rappresentare utili interlocutori dell’amministrazione per una gestione maggiormente partecipata della cosa pubblica.

SVILUPPO DEL TERRITORIO

In questi anni sono state completate e realizzate molte opere pub- bliche. Il sottopasso pedonale ferroviario, la ristrutturazione della piazza e degli edifici della stazione, i parcheggi di attestamento adiacenti la ferrovia, la ristrutturazione del sottopasso veicolare di via Leinì con la creazione del nuovo passaggio pedonale senza barriere, il cavalcavia dell’autostrada TO-MI sulla Cebrosa, il rifacimento di via Torino in corrispondenza di Torino Outlet Village dal Villaggio Olimpia all’incrocio con la nuova viabilità di via Vigliano in prosecuzione di via Santa Cristina, la manutenzione straordinaria di Corso Piemonte con il rifacimento del passaggio pedonale, la realizzazione del nuovo parco Berlinguer e il completamento dei collegamenti ciclo pedonali nel grande parco Corona Verde. Oltre a questo sono stati decine le zone della città ristrutturate con manutenzione straordinaria.

Per il prossimo mandato intendiamo dare priorità al rifacimento della passerella pedonale di via Brofferio, alla messa in sicurezza del cavalcavia 8 agosto con la realizzazione di opere incanalamento, alla realizzazione del collegamento pedonale tra il Villaggio FIAT e l’Ospedale Civico, Intervenire sul tratto centrale di Via Schiapparelli allargando il marciapiede per consentire

la messa in sicurezza dei pedoni, al rifacimento dei marciapiedi sconnessi.

Dovrà essere posta attenzione alle urbanizzazioni conseguenti al raddoppio dell’attuale struttura di Torino Outlet Village, al completamento del parco commerciale Settimo Cielo, ai nuovi insediamenti previsti sull’area ex CEAT e ex Gruppo Finanziario Tessile sula Cebrosa.

Sarà inoltre necessario completare tutti i percorsi di collegamento tra i parchi urbani.

FARE COMUNITÀ (APPARTENENZA)

In questi anni abbiamo dato importanza a iniziative simbolichema di grande significato affinchè tutti si sentano parte di una co- munità. Il riconoscimento ai 50 anni di matrimonio, la lettera di benvenuto inviata ai neonati allo scopo di informare i genitori dei servizi pubblici attivi per il primo anno di vita, la consegna della Carta Costituzionale ai 18-enni in occasione della Festa della Re-pubblica del 2 giugno, sono stati momenti di grande significato sia per chi vi ha partecipato che per la Città nel suo insieme.

Riteniamo che queste buone abitudini vadano proseguite e rafforzate, perché, al di là delle convinzioni politiche e delle appartenenze di diverso tipo, solo una comunità che si sa riconoscere come tale può ottenere grandi risultati. E Settimo ha le carte in regola per migliorare ancora e crescere bene ed insieme. Per tut- to questo chiediamo ancora la vostra fiducia.